Un esempio di giornata tipo in reparto

Le nostre ludoterapiste si sono incontrate recentemente con F. 

Abbiamo inventato un nuovo modo di prendere la palla, con i piedi

e poi abbiamo dato vita ad una particolarissima partita a Jenga, fatta con delle regole tutte sue. Ma del resto l’importante è divertirsi, in manioera spontanea ed assecondando le sensazioni del bambino, senza forzarlo a fare cose che non rientrano in quel momento nelle sue volontà. Per prima cosa occorre essere empatici e poi riuscire a stimolare, a coinvolgere piuttosto che a spingere.